lunedì 12 novembre 2018

UN CONTRIBUTO O SOSTEGNO PER AVID Varese Onlus <> CODICE IBAN - c/c Postale - 5x1000

COME SOSTENERE I VOLONTARI DI AVID Varese Onlus

Raccolta fondi: I fondi saranno destinasti al sostegno del progetto “Guidare per continuare a Viaggiare” di AVID:  potranno essere raccolti attraverso donazioni pubbliche e private, in occasioni di eventi promozionali, attraverso il canale bancario o postale di  AVID Varese Onlus, evidenziando i versamenti come  “Erogazione volontaria” o “Donazione”. In questo modo, il benefattore, potrà scaricare la somma versata attraverso la sua dichiarazione dei redditi mod. 730 o Unico.
      
I contributi dovranno essere versati nelle seguenti modalità:  intestati ad AVID Varese Onlus Via Sanvito Silvestro 44 21100 Varese.

Codice IBAN:   IT41 E033 5901 6001 0000 0124 749  (Banca Prossima Intesa Sanpaolo di Varese)

Oppure:  c/c Postale n° 1623014  con lo stesso indirizzo sopra descritto.

Oppure: se non sai a chi donare il tuo 5x1000 ricordati che i volontari di AVID,  lavorano gratuitamente dal lunedì al sabato per la fascia sociale dei più deboli, (Disabili e invalidi). Il nostro Codice Fiscale è:  95063710123

Con questi contributi pubblici o privati, i volontari continueranno a sostenere il progetto avviato ormai da oltre un decennio, attraverso il sostegno della mobilità quindi maggiore autonomia, mediante le patenti B Speciali, mettendo a disposizione dei richiedenti, per tutta la Provincia di Varese, la auto multiadattate, senza alcun costo di noleggio.

Possibili convenzioni inerenti al settore: È nostra intenzione sottoscrivere convenzioni con tutte quelle istituzioni o Associazioni che si occupano di assistenza e previdenza delle persone disabili e invalide, a causa di infortuni sul lavoro, stradali o di gravi patologie, dove attraverso queste Associazioni sostengono i loro giusti diritti o intendono migliorare la loro mobilità con la Patente B Speciale attraverso l’utilizzo di una propria autovettura.

Hanno collaborato e collaborano al Progetto di AVID: La Provincia di Varese, La Asst Sette Laghi, Asst Valle Olona, la Motorizzazione Civile di Varese, il Comune di Gallarate, Olgiate Olona, Cairate e Castiglione Olona.  Le Autoscuole: Cattaneo Gallarate, Unione Varese, Luraschi Saronno, Athena Somma Lombardo e altre ancora collaborano con le quattro Autoscuole evidenziate.


mercoledì 26 settembre 2018

INFORTUNIO E M.P. <> VISITE FISCALI

Infortunio sul lavoro: Le visite fiscali.
Spetta all'INAIL accertare certificare e valutare tali eventi.
In caso di infortunio o malattia professionale non spetta all'Inps effettuare le visite fiscali nelle fasce orarie di reperibilità. Si tratta infatti di eventi di competenza dell'INAIL, che non dispone visite di controllo presso il domicilio del lavoratore. Queste conclusioni sono previste dal decreto n. 206/2017 notificato l’8 febbraio 2018 dalla Presidenza del Consiglio e il messaggio INPS n. 3265/2017

Il messaggio stesso fornisce le istruzioni recante disposizioni in materia per le visite fiscali.   Le visite mediche di controllo in caso di infortunio sul lavoro e malattia professionale, l'Istituto Inps precisa che, nonostante l'attribuzione esclusiva della competenza in materia di visite mediche di controllo sullo stato di salute dei lavoratori, non è legittimato effettuare accertamenti medico legali domiciliari, su richiesta dei datori di lavoro, in caso di infortunio sul lavoro e malattia professionale del suo dipendente. Questo perché, nel dell'art. 12, legge 67/1988 non può interferire nelle competenze esclusive dell'INAIL per tali eventi.

Per saperne di più: AVID Varese Onlus. Info 340-3303528



mercoledì 11 luglio 2018

OGGI 11 LUGLIO 2018 IN CONSIGLIO EUROPEO SI DISCUTE LA DISABILITA FEMMINILE


Lo sapevate?? Oggi si discute il problema della disabilità sulle donne in Europa

Nell’Unione Europea ci sono 40 milioni di donne con disabilità (il 16% dell’intera popolazione femminile). È la fascia sociale più vulnerabile, emarginate ed escluse dal mercato del lavoro, oltre ad essere più esposte alla violenza domestica»: lo evidenzia il Comitato Economico e Sociale Europeo, che oggi presenterà un rapporto al Parlamento Europe dove chiederà alle Istituzioni e agli Stati Membri dell’Unione «di intensificare gli sforzi per combattere le discriminazioni. I disabili in Italia sono circa tre milioni e duecento mila di cui il 47% dei maschi lavorano, mentre nel settore femminile solo il 34%. La fascia più intensa e quella femminile.
L’ISTAT sta creando un archivio integrato dei disabili unendo fonti diversi dati tra nazionali e statistici, attraverso le certificazioni della 104, le pensioni di invalidità e gli infortuni dell’INAIL. L’integrazione di queste voci con altri archivi, permetterà di analizzare anche il grado di inclusione dei disabili in ambito scolastico e/o lavorativo.
Per saperne di più: info, 340-3303528  AVID Varese Onlus

martedì 10 luglio 2018

DETRAZIONI PER SPESE DI GIARDINAGGIO

Bonus verde 2018: condomini e privati.
La detrazione spetterà per la progettazione, la manutenzione e la realizzazione del verde, per gli interventi sostenuti dai privati, o spese sostenute per interventi comuni (edifici condominiali) (ex artt. 1117 ad uso abitativo e 1117-bis c.c.), sempre per l'importo massimo complessivo di 5.000 euro per unità immobiliare

La detrazione oltre al privato, spetta al singolo condomino nella sua quota, presentando l’anno successivo la dichiarazione dei redditi e dove i pagamenti siano stati effettuati con strumenti idonei a consentire la tracciabilità dei versamenti. La quota spettante verrà ripartita in dieci anni.

Per saperne di più: AVID Varese Onlus  <>  info: 340-3303528

giovedì 5 luglio 2018

POSSESSORI DELLA LEGGE -104/92- BANCHE IN ASSISTENZA AI MUTUI PER LA CASA


MUTUO AGEVOLATO CON LA LEGGE 104/92
Le famiglie che hanno una persona disabile a carico potranno richiedere un mutuo agevolato per l’acquisto di una casa o per interventi di ristrutturazione con accrescimento dell’efficienza energetica. Questa opportunità è possibile grazie alla soluzione messa a disposizione dalla Cassa Depositi e Prestiti in convenzione con l’Associazione Bancaria Italiana (Abi). Si potrà chiedere fino ad un massimo di 350mila euro.
Per saperne di più: AVID Varese Onlus  <> info: 340-3303528  <>  www.associazione-avid.it


mercoledì 4 luglio 2018

MINORI DISABILI: COME ACCEDERE AI SUSSIDI E AL LAVORO


BAMBINI DISABILI: COME RICHIEDERE 
I SUSSIDI E L’AVVIAMENTO AL LAVORO.
 COSA PREVEDE LA LEGGE.
L’articolo 2 della legge n° 118/1971 definisce l’invalidità dei minori; secondo quella norma si considerano mutilati o invalidi civili i minori di anni 18 che sono:
Ø  affetti da minorazioni congenite o acquisite, anche a carattere progressivo, compresi gli irregolari psichici per oligofrenia di carattere organico o dismetabolico (un ritardo mentale acquisito durante l’infanzia);
Ø  abbiano difficoltà persistenti a svolgere i compiti e le funzioni proprie della loro età.
Per i minori, l’invalidità civile va riconosciuta nelle difficoltà in attività come (ad esempio) fare i compiti o in tutte altre caratteristiche della loro età.  A partire dai 15 anni, anche per i minori che vogliono iniziare a lavorare, l’invalidità si indica con le percentuali come si fa con gli adulti, (18° anno in poi), per fare in modo che il disabile con percentuale superiore al 46%, possano iscriversi nelle liste speciali di collocamento.
Per quanto riguarda i benefici che i minori disabili possono ottenere sono: l’indennità di accompagnamento o l’indennità mensile di frequenza.  Dalla sentenza della Corte di Cassazione n°1377 del 2003, ha stabilito che i disabili minori possono aver bisogno di assistenza diversa a seconda della disabilità che presentano. Secondo l’articolo 1,2 della legge 508 del 1998, l’indennità di accompagnamento viene data ai ciechi assoluti e chi abbia difficoltà a deambulare a causa delle proprie condizioni fisiche e psichiche.
L’indennità di frequenza, invece, viene riconosciuta ai minori che frequentano la scuola, asili, o centri riabilitativi in modo continuo. La domanda può essere presentata e seguita da AVID Varese Onlus.  Per info 340-3303528.


giovedì 7 giugno 2018

AUSILI IMPOSTI ALLA GUIDA E IL CONTRIBUTO REGIONALE


Contributo per l'adattamento del veicolo,
Le condizioni necessarie, a chi richiederlo.

I disabili e invalidi con obbligo di modifiche alla guida del proprio veicolo quali affetti da grave limitazione della capacità di deambulazione hanno diritto a un contributo per l'adattamento tecnico del veicolo pari al 20%.

Per i lavoratori infortunati anch’essi con obbligo di modifica alla guida, il costo dell’acquisto e montaggio degli ausili imposti dalla Commissione Competente è totalmente a carico dell’INAIL. La richiesta si inoltra all’INAIL di competenza.

Per gli invalidi civili è previsto dall'art. 27 della L. 104/1992, è concesso anche a chi non ha la gravità dell'handicap, presentando solo il certificato di invalidità. Si consiglia quindi di informarsi presso ufficio disabilità Regione Lombardia info: 02-67654740 
Il contributo è relativo alla spesa per la modifica degli strumenti di guida, anche cambio automatico se imposto ed è a favore dei titolari di patente di guida delle categorie A, B, C speciali, con incapacità motorie ridotte o permanenti.
Viene concesso dalla Regione Lombardia tramite le Asst 7 Laghi e Valle Olona le quali versano un contributo della spesa nella misura del 20% presentando la necessaria documentazione ed è a carico del bilancio dello Stato (art. 27, comma 1, L. 104/1992).

I documenti necessari:
Ø  Documento di invalidità più legge 104/92.
Ø  Copia libretto dell’autovettura.
Ø  Copia carta d’Identità più codice fiscale,
Ø  Fattura autovettura con costo scorporato del cambio automatico,
Ø  Fattura acquisto e montaggio ausili imposti alla guida.
Ø  Documento di garanzia.
Ø  Copia Patente Speciale.

Depositati i documenti all’Asst di competenza i tempi di attesa per ottenere il contributo, nella forma di rimborso della spesa sostenuta pari al 20%, possono prolungarsi anche di qualche anno.   
A chi rivolgersi per richiedere informazioni: Asst, oppure 
AVID Varese Onlus info: 340-3303528  www.associazione-avid.it
e-mail, info@associazione-avid.it
                                                                              

lunedì 4 giugno 2018

INPS, NOVITA' SULLE VISITE FISCALI DI CONTROLLO 2018


Le novità sulle visite fiscali di controllo del 2018:
Il datore di lavoro può richiedere la visita fiscale fin dal primo giorno di malattia, tramite l'INPS per un controllo tempestivo, domiciliare, tramite i suoi medici. La visita può essere disposta anche direttamente dall'Inps (Art.55 del D.Lgs.165/2001 Art.55 comma 5. Con le nuove disposizioni, detta visita può essere "ripetitiva" sia per i dipendenti pubblici nonché privati.

Fasce orarie di reperibilità

Per i dipendenti della Pubblicha Amministrazione le fasce d’obbligo di reperibilità vanno dalle 9,00 alle 13,00 e dalle 15,00 alle 18,00.

Mel settore privato le fasce orarie vanno dalle 10 alle 12 e dalle 17 alle 19, per un totale di 4 ore giornaliere. Reperibilità anche per i giorni non lavorativi e festivi.
Sono esclusi dall'obbligo di reperibilità i dipendenti affetti da patologie gravi bisognevoli di terapie salvavita, beneficiari di cause di servizio ascrivibili alle prime 3 categorie della Tab. A del DPR 30.12.1981 n.834 (mancanza di arti, deformazioni, etc.) o patologie di cui alla Tab. E (egualmente fatta di elencazione di malattie super invalidanti, stati patologici connessi ad invalidità pari o superiori al 67%.
E' compito del dipendente ammalato, comunicare all'Ufficio delle risorse umane o all’Inps, l'indirizzo dove trascorrerà la malattia e dove resterà reperibile.
Per eventuale ricorso, AVID Varese Onlus info: 340-3303528


mercoledì 16 maggio 2018

.......BONUS BEBE' 2018 - BONUS BEBE' 2018.......

Cambia il Bonus bebè, le novità per il 2018

Il bonus bebè è il contributo economico che lo Stato eroga tramite l'Inps, come aiuto alle famiglie con basso reddito.
Nell'ultima legge di bilancio il bonus bebè è stato riconfermato ma solo per un anno. Per il 2019, strutturale, sarà con importo dimezzato a causa della mancanza copertura.

Quindi per l'assegno di natalità restano fermi gli importi ma cambierà la durata del sostegno: l'importo del bonus per l'anno in corso resta il medesimo ossia 80 euro al mese, per un totale di 960 l'anno, se il reddito Isee 2018 è pari o inferiore a 25.000 euro. .Sale a 160 euro al mese per gli Isee fino e non oltre ai 7.000 euro come indicatore
Gli 80 € euro andranno anche a coloro che hanno adottato o preso in affido un minore nel corso del 2018, purchè l’indicatore dell’Isee si pari o inferiore alle cifre sopra descritte.
AVID Varese Onlus info 340-3303528


mercoledì 9 maggio 2018