venerdì 4 febbraio 2011

Risarcimento danno biologico per infortunio lavorativo: cos'è e chi ne ha diritto.

Ritieniamo opportuno con questo articolo avviare una serie di considerazioni su aspetti giuridici di particolare rilievo legati al mondo della disabilità e non solo. Gli articoli saranno curati dal nostro ufficio legale che ricordiamo è a disposizione del pubblico il sabato mattina dalle ore 9.00 alle ore 12.00.

Il danno biologico.

Il danno biologico è costituito dalla lesione dell'integrità fisica conseguente ad un evento (infortunio lavorativo, incidente stradale, etc.). La lesione può determinare un'invalidità temporanea o generare postumi invalidanti, cioè una menomazione permanente della capacità fisica di un soggetto.
Quando la lesione è determinata da un infortunio sul lavoro, il lavoratore infortunato che presenta un'invalidità permamente ha, come a tutti noto, diritto di essere risarcito da parte dell'Inail, cioè dall'assicurazione obbligatoria.
Qualora tuttavia l'infortunio lavorativo si verifichi per colpa del datore di lavoro, il lavoratore ha diritto al risarcimento del danno biologico c.d. differenziale, il cui onere è posto a carico esclusivo dell'imprenditore, il quale dovrà quindi rispondere o personalmente o a mezzo di specifica copertura assicurativa privata, integrativa quindi di quella pubblica.
Ma cos'è il danno biologico differenziale e quando il datore di lavoro è da considerarsi responsabile dell'infortunio?
In mancanza di una normativa specifica, il calcolo del danno biologico in sede civile è lasciato alla valutazione del Giudice. L'evoluzione giurisprudenziale in argomento ha portato alla compilazione di tabelle di risarcimento del danno fisico stilate da osservatori di studio appositamente costituiti presso i principali Tribunali italiani. Tra queste, godono di particolare credito ed applicazione, per i criteri adottati, la semplicità di lettura e l'equità complessiva di valutazione del danno, le c.d. Tabelle milanesi di risarcimento, redatte dall'osservatorio del Tribunale di Milano ed aggiornate con cadenza biennale.
Ebbene, il danno biologico differenziale è costituito proprio dalla differenza matematica tra il risarcimento del danno fisico offerto dall'Inail (calcolato per ovvii motivi di contenimento dei costi sociali sulla scorta di tabelle di danno e valutazioni economiche ridotte) e quello superiore calcolato secondo le predette Tabelle Milanesi.
L'entità del danno biologico differenziale è considerevole ed è progressivamente crescente in rapporto alla percentuale di invalidità accertata.
Un esempio concreto. Una donna di 39 anni con menomazione accertata al 32% percepisce dall'Inail, sottoforma di rendita annua, un risarcimento del danno pari, in linea capitale, ad euro 70.245. Secondo le Tabelle milanesi, quella stessa percentuale di invalidità comporta un diritto di risarcimento del solo danno fisico di euro 128.768, con un differenziale a carico del datore di lavoro di euro 58.523.
Tale diritto sussiste, come dicevamo, quando è accertata la responsabilità del datore di lavoro che può concretizzarsi per colpa generica, cioè per imperizia, imprudenza o negligenza, o per colpa specifica, cioè per l'inosservanza delle norme di sicurezza dell'ambiente lavorativo, riferito sia ai luoghi, sia al ciclo produttivo.
In questi casi, poichè il datore di lavoro è penalmente responsabile del reato di lesioni o omicidio colposo del lavoratore, la rilevanza penale dell'evento comporta l'applicabilità in sede civile del risarcimento del c.d. danno morale, previsto dall'art.2059 cod.civ., cioè dei patimenti di ordine psicologico legati all'infortunio subito dal lavoratore.
Tale voce di danno è totalmente trascurata dall'Inail, ma è conteggiata in sede civile. Per rimanere all'esempio proposto, le Tabelle Milanesi, in relazione alla percentuale di invalidità indicata, quantificano il danno morale (più correttamente definito danno non patrimoniale diverso dal danno biologico) in un somma corrispondente al 48% del danno biologico, pari quindi ad euro 61.808, da assommare al differenziale biologico. 
Vi invitiamo ad esprimere i vostri commenti, richieste, dubbi etc. che ci saranno utili per operare pubblicazioni sempre più mirate ed utili. 




  

27 commenti:

  1. Ho avuto un infortunio nel 2004 e l'INAIL mi ha assegnato 008 punti, per avere il danno biologico cosa devo fare? grazie

    RispondiElimina
  2. E' necessario richiedere i dati assicurativi al datore di lavoro ed avviare richiesta di risarcimento, sempre che l'infortunio si sia verificato per responsabilità datoriale. Se ritiene venga a trovarci il sabato mattina per un consulto gratuito con il nostro legale.

    RispondiElimina
  3. Lo scorso anno 2010 mi sono infortunato sollevando un peso e sono rimasto a casa con il mal di schiena per ben 2 mesi. Poi sono ritornato al lavoro ma sempre con un leggero malore. Oggi non ce la faccio più a stare in piedi non solo a lavorare pertanto ho fatto una risonanza e mi hanno trovato una ernia al disco.
    ora cosa devo fare? fatemi sapere io abito a Saronno. Grazie

    RispondiElimina
  4. redazione AVID VARESE ONLUS4 giugno 2011 03:06

    Gentile Sig. Piergiorgio,
    è necessario stabilire se l'ernia riscontrata era preesistente lo sforzo eseguito oppure se dovuta al carico lavorativo. E' necessario quindi valutare la situazione dal punto di vista medico-legale, sia per stabilire un eventuale risarcimento del danno, sia per accertare la possibilità di continuare a svolgere le mansioni lavorative. Come sempre ricordiamo che è a disposizione l'avvocato dell'associazione con il quale le consigliamo di fissare un incontro per un consulto gratuito il sabato mattina, presso la nostra sede di Varese. La ringraziamo per il suo intervento. La redazione di AVID.

    RispondiElimina
  5. lo scorso anno 2010 ho avuto incidente a lavoro per colpa di mio datore di lavoro perche si e messo a scherzare davanti ai suoi amici. mi sono fratturata la mandibola e mi hanno tolto dei denti danneggiati. dopo un anno posso kiedere danno biologico ???? cosa dovrei fare????

    RispondiElimina
  6. AVID Varese Onlus27 giugno 2011 12:27

    Carissimo/ma, mi piacerebbe che al più presto potessimo incontrarci naturalmente per spiegarti il miglior percorso per arrivare i tuoi diritti. poi l'infortunio è stato denunciato? sappi che si possono fare ricorsi fino al decennio, gli aggravamenti e la giusta valutazione del danno fisico è stato inoltrato? A mio avviso per un incidente lavorativo sicuramente vistoso e grave non si può trascurare. Ti aspetto il mio cell. 340.330.35.28

    RispondiElimina
  7. nel 1997 mi è stata riconosciuta una causa di servizio per ulcera bulbare e gastropatia erosiva con diritto all'equo indennizzo, avendo fatto causa, dopo avermi sottoposto a visita dal CTU il quale ha confermato che la patologia era dipendente da causa di servizio quantificando la percentuale di invalidità del 20%,a Dicembre 2009 il tribunale ha emesso la sentenza condannando l'Ente Poste per cui lavoro alla corresponsione dell'equo indennizzo, che mi è stato liquidato con circa 5000€. La mia domanda è questa, considerando che in caso di malattia professionale, spetta la corresponsione del danno biologico, del danno morale ed esistenziale, del danno patrimoniale e altri vari risarcimenti, oltre la rendita Inail considerando che la percentuale di invalidità riconosciutami e del 20%. Cosa mi consigliate di fare per ottenere quello che mi spetta?, devo inoltrare domanda all'Ente per cui lavoro? ci sono dei moduli per fare tale richiesta, se si dove posso reperirla? vi prego di aiutarmi prima che vada in prescrizione. se possibile potete rispondermi oltre che in questo spazio anche per e-mail, il mio indirizzo è mariantonivedele@tiscali.it In attesa di risposta saluto e ringrazio, Michele Musina

    RispondiElimina
  8. Buonasera,io ho avuto un grave infortunio sul lavoro ad Aprile di quest'anno,frattura bimalleolare(tibia e perone),intervento con mezzi di sintesi e andata in pseudoartrosi,quindi rioperato circa 1 mese fa'per rieseguire nuova sintesi(tolto vite e fatto cerchiaggio su tibiale)piu'innesto autologo da ala iliaca.
    Mi spetta anche il differenziale,il mio datore di lavoro ha l'assicurazione e sono gia'in mano ad un avvocato.
    Vorrei sapere come faro'a regolarmi sulla cifra e l'entita'del mio risarcimento.
    Grazie mille in anticipo ed arrivederci.

    RispondiElimina
  9. salve poso perfavore mi sapete dire come devo procedree io 10 giorni fa ho subitto un incidente al lavoro sono caduto dall teto di una fabrica mentre aiutavo un colega a scendere con una frnaghia lui e scivilato e caduta e mi ha tirato giu dall teto e mi sono rotta la caviglia destra al pronto socorsco mi hano scritto astragalo caviglia e 40 giorni de riposo cil geso prometo che ero in regola da un messe e il contarto mi scade il 30 settembre io che some poso otenetre dalla compania asiguratrice _='per questa cosa ?

    RispondiElimina
  10. Ho avuto un infortunio sul lavoro in 2007 ,prendo una pensione di invalidita permanente con un grad di 040%,m'interesa se si puo chiedere danno biologico ,Grazies m' puo rispondere al indirizio mail-nita.bogdan90@yahoo.it

    RispondiElimina
  11. Buongiorno..io ho avuto un infortuni sul lavoro(per colpa mallfunzionamento macchinario) dove ho perso il 2'3'4'5' ditto mano destra..percepisco una pensione da parte dell'INAIL..volevo sappere,quando si ha un incidente sul lavoro,devo essere risarcito anche da parte del datore di lavoro per il danno subito??perche finno ad oggi non ho avvuto niente da parte sua.. grazie

    RispondiElimina
  12. nel luglio 2006 ho avuto un infortunio sul lavoro con la frattura di una vertebra l'inail mi ha riconosciuto un inv. del 26% ho fatto causa alla ditta che aveva il compito di mettere in sicurezza il cantiere, nel giugno 2009 hanno patteggiato in penale adesso sono 4 anni che siamo in civile ma io avrei diritto ha chiedere un anticipo all'assicurazione , visto che il mio avvocato dice che in un civile per infortunio sul lavoro non si puo' richiedere un anticipo , premetto che il ctu del tribunale mi ha assegnato un inv. del 28 %. grazie.

    RispondiElimina
  13. sono sotto infortunio (con certificati inail) per un infortunio sul lavoro. sono scivolata in ufficio. Sono una dipendente pubblica, ho chiesto al mio ente il nome dell'assicurazione per poter richiedere il rimborso delle spese mediche per alcune analisi che dovrò sostenere ma mi hanno detto che a parte l'inail non c'è altra assicurazione. E' possibile? Ed in questo caso allora la richiesta di risarcimento non è possibile farla?

    RispondiElimina
  14. buon giorno, nel mese di giugno mi sono infortunato fratturandomi il calcagno, ove per cause non mie, ero rimasto chiuso nel perimetro dell'azienda quindi scavalcavo un cancello causandomi la frattura. ancora tutt'oggi sono in infortunio in fase di guarigione, la mia domanda è cosa devo fare per chiedere un risarcimento all'inail e come comportarmi ? e se posso rivalermi sull'azienda visto che c'è stata una dimenticanza da parte del responsabile di non essersi accorto che ero rimasto chiuso all'interno ? grazie.

    RispondiElimina
  15. BUON GIORNO, NEL MESE DI SETTEMBRE 2013 HO AVUTO UN INFORTUNIO ABBASTANZA GRAVE CERCO DI SPIEGARLO IN DUE RIGHI... SCOPPIATO UN TUBO BEL MARTINETTO CREANDOMI UNA FERITA DI 15 PUNTI SUL VISO (TUTTA LA PARTE ZIGOMATICA FINO SOTTO L'ORECCHIO) E CAUSANDOMI LA ROTTURA DELLA RETINA E ALTRI PUNTI DI USURA SULLA PALPEBRA INFERIORE DELL'OCCHIO (QUI C'E' BISOGNO DELLA PLASTICA VISTO CHE NELL'URTO SI E' PORTATO UN PO' DI TESSUTO) ADESSO FATTO INTERVENTO PER LA RETINA MA MI COMUNICA CHE VEDRO' PER META' PERCHE' SULLA RETINA SI E' CREATA UNA CICATRICE......
    VOLEVO CHIEDERE IL PUNTEGGIO CHE MI DARANNO EQUIVALE AL DANNO BIOLOGICO? HO SONO DUE COSE SEPARATE ?

    RispondiElimina
  16. Buona sera,ho avuto un'infortunio sul lavoro,fratturandomi due coste,il datore di lavoro continua a vessarmi lo stipendio regolarmente,dopo sessanta giorni di infortunio mi spetta il danno biologico?.Grazie anticipatamente.

    RispondiElimina
  17. ho subito un infortunio nel 1980 da chi mi spetta il danno biologico in caso di licenziamento dalla ditta

    RispondiElimina
  18. ho subito un infortunio sul lavoro nel 2010 una caduta da 6 metri riportando i seguenti danni trauma alla testa con punti di satura, frattura scomposta scapola spalla destra, fratture processi trasversi di L1 L2 L3 L4,e contusiome polmonale. a parte la rendita mensile ,mi spetta il danno biologico? posso chiederlo.

    RispondiElimina
  19. Salve,ho fatto causa al datore di lavoro per infortunio in cantiere.
    fratture L1 L2 mi dite quanto mi spetta di risarcimento?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. salve ho subito un infortunio sul luogo di lavoro ho la possibilità di ottenere il risarcimento di un danno ulteriore a quello corrisposto dall'Inail, qualora sia accertata la responsabilità penale del datore di lavoro.mi spiego infortunio causato da un frullino senza cuffie di protezione che mi ha causato ferite lacero contuse all avambrccio sx e flc terzo grado gamba sx con lesione muscolo quadricipite femorale ma il datore di lavoro a scambiato con un altro frullino come mi devo comportare per avere il risarcimento integrale? grazie spero di avere una risposta saluti.

      Elimina
  20. salve. una domanda..ho subito un infortunio sul lavoro con prognosi iniziali giorni 30.e dopo mi prolungano altri 30 giorni per la fisioterapia avro sempre superato i 40 giorni di infortunio se io spontaneamente non faccio la quarela. andra sempre fatta perizia e un eventuale processo a carico del datore di lavoro. se e si, io posso sempre essere risarcito dei danni differenziali o devo comunque fare quarela per essere risarcito come parte illesa.. in attesa risposta distinti saluti.

    RispondiElimina
  21. salve ho avuto un infortunio sul lavoro mi sono rotto tibia e perone vorrei sapere il punteggio che mi deve dare inail qule e il risarcimento quanto puo essere su per giu grazie

    RispondiElimina
  22. un ragazzo di 16 anni al primo mese di lavoro come tornitore , che era come prova ha subito il taglio(amputazione di meta dito) III dito ,non era assicurato come puo fare per avere un risarcimento danni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in ospedale hanno scritto come trauma :incidenti in altri luoghi chiusi

      Elimina
  23. Salve ho una domanda,è possibile chiedere un risarcimento x infortunio alla fiera di Rho e dopo circa 26gg? Ho in referto ospedaliero,ho acuto la gamba steccata x 21gg e ad oggi ancora nn cammino bene. Grazie

    RispondiElimina
  24. Buon giorno
    Sono disperato!!!
    Vi prego aiutatemi
    Ho 37 anni ed ho un invalidità al 70%
    Lavorando presso la farmacia A.S.S 1 in magazzino ,con una borsa lavoro del comune,2,20 euro l'ora per un massimo di 6 ore al giorno,neanche 300 euro al mese.
    Ho avuto un incidente sul lavoro,sono stato riccoverato in neurochirurgia per 6 giorni,mi hanno dimesso ieri e ora mi trovo da solo a casa con dolori allucinanti,mi hanno imbottito di farmaci antidolorifici,mi sento raccontare solo fiabe su fiabe,ma no gli credo proprio,perchè questo mi è capitato per causa loro ignoravano le mie possibilità a svolgere questo lavoro,mi hanno inserito come magazziniere,ora non potro piu lavorare,muovermi liberamente, vivere,cosa fare e come muoversi per ricevere il giusto
    Ho tanta paura per non ricevere nulla ed essere raggirato come fin'ora
    Vi supplico
    Salvatemi!!!
    Grazie
    denisumy78@hotmail.it

    RispondiElimina
  25. salve, ho avuto un infortunio sul lavoro, con 9 punti in testa,chiedevo se posso chiedere i danni biologici?

    distinti saluti. Grazie

    RispondiElimina