lunedì 10 settembre 2012

LA PATENTE B SPECIALE, LA COMMISSIONE PATENTI E I CODICI EUROPEI

L’ACQUISIZIONE, LA RICLASSIFICAZIONE, IL RINNOVO, LA COMMISSIONE PATENTI E I CODICI EUROPEI

IL GIUSTO PERCORSO
Gli appuntamenti per le visite li possono fissare i volontari di AVID, su accordo con l'ASL di Varese presentando giusta documentazione.             
Dopo aver ottenuto il riconoscimento di idoneità da parte della Commissione Provinciale Patenti Disabili, (anche con guida assistita), il candidato può iniziare la preparazione per gli esami teorici e pratici.
Non ritirare personalmente il foglio rosa dalla Motorizzazione.  Sarà una delle quattro Autoscuole a ritirare il foglio rosa pagando bolli e prestazioni una sola volta 
Dopo  un periodo di studio più o meno lungo, terminato in modo positivo l’esame teorico, l’AVID consiglia sempre di seguire le prove pratiche in una delle quattro Autoscuola convenzionata con l’Associazione, la Provincia di Varese, l’ASL di Varese e la Motorizzazione Civile.  Il fai da te non è mai consigliato, durante le prove e gli esami di guida possono accadere imprevisti indesiderati. 
Le Autoscuole aderenti al Progetto di AVID Varese Onlus  sono dotate di un istruttore preparato non solo psicologicamente e tecnicamente per la categoria in discussione, ma soprattutto preparato anche sull’utilizzo degli ausili imposti e sulla sua tecnologia degli stessi.  Durante l'esame pratico sul veicolo modificato, l'ingegnere della Motorizzazione Civile può confermare gli adattamenti previsti dalla Commissione Competente  oppure aggiungerne altri.
Non sempre, ma può capitare,  che in alcuni casi durante le prove di guida il candidato si accorge che gli ausili imposti non corrispondono al giusto aiuto tecnico e quindi, necessita di aggiunta altri ausili o diversi da quelli imposti.
Anche il candidato può richiedere adattamenti alla guida diversi da quelli che la Commissione Medica Competente  ha prescritto; vanno comprovati con successiva prova di guida
In questo caso con AVID, è possibile ritornare in Commissione Patenti, fare la prova di guida con l’automultiadattata e l’Ingegnere a bordo durante la prova pratica, stabilirà la necessità di altri sostegni tecnologici o meno da montare alla guida della propria auto.
Acquisita la patente B Speciale,  sul retro, si potrà leggere i codici europei degli adattamenti definiti i Commissione oppure durante la prova di guida.
Inoltre, grazie al contributo della Provincia di Varese, acquisita la patente B Speciale nell’anno 2012, il candidato potrà richiedere ad AVID Varese Onlus un sostegno economico pari a 250.00 euro, quale sostegno alle spese sostenute per il permesso di guida. Mentre per la riclassificazione della propria patente da normale in B Speciale, sempre all’AVID è possibile richiedere un contributo economico per l’acquisto e il montaggio degli ausili imposti.
 
Il collaudo delle auto adattate e quindi la trascrizione sul documento di possesso delle modifiche  viene effettuato direttamente dall’officina che ha curato l'allestimento degli ausili.


IL RINNOVO O LA RICLASSIFICAZIONE.

Per le patenti speciali è prevista una durata della validità di cinque anni. In molti casi  la validità viene comunque stabilita dalla Commissione secondo le specifiche situazioni fisiche dei richiedenti, pertanto  la validità della patente può essere inferiore o diversa dal periodo prescritto.

Per il rinnovo della patente di categoria speciale è necessario fissare l’appuntamento almeno novanta  giorni prima della scadenza.
L’appuntamento per il rinnovo, l’acquisizione e la riclassificazione  delle patenti B Speciali è un servizio gratuito sostenuto anche dai volontari  dell’AVID Varese Onlus. Per fissare gli appuntamenti delle visite in Commissione serve: copia fronte retro della  carta d’Identità, Codice Fiscale o Tessera Sanitaria, patente B Speciale o normale.  Coloro che devono acquisirla, oltre ai documenti sopra descritti, devono richiedere anche  al proprio medico di fiducia, il certificato Ananmestico.
La patente europea prevede la medesima impostazione e i medesimi codici in tutti i Paesi aderenti all'Unione Europea. Con il recepimento della Direttiva comunitaria che istituisce appunto la patente europea, anche le descrizioni degli adattamenti dovranno essere sostituite da un codice numerico.
Su questo specifico aspetto infatti, è stata approvata il 14 settembre 2000, un'ulteriore direttiva comunitaria (Dir. 2000/56/CE) che introduce codici comunitari armonizzati per le patenti di guida.
Il Ministero dei trasporti, d'accordo con la Commissione Europea, ha adottato in anticipo codici e procedure utili a inserire il maggior numero di informazioni possibili sulle nuove patenti di guida, anche per eliminare i fogli aggiuntivi recanti gli adattamenti dei comandi per patenti speciali.

Queste indicazioni sono contenute nella Circolare del Ministero dei Trasporti, Dipartimento Trasporti Terrestri (ex MCTC) B/45 del 12 giugno scorso.
Le Commissioni Mediche Provinciali Patenti Disabili con le nuove disposizioni sono tenute a indicare sul certificato rilasciato la descrizione degli adattamenti  e i corrispondenti codici e subcodici. Gli adattamenti saranno poi indicati sulla patente speciale solo attraverso i codici che li contraddistinguono e che sono elencati nella Circolare Europea. 
I nuovi codici elaborati dalla Commissione europea potranno essere modificati solo dai competenti organi comunitari. Nelle nuove patenti,  troveremo solo delle codificazioni numeriche, mentre per le vecchie con le trascrizioni delle patologie, andranno man mano sostituite. Gli Uffici periferici della Motorizzazione, devono verificare che i codici riportati nel certificato medico corrispondano agli adattamenti descritti.

COME PRESENTARE IL RICORSO.

Il candidato può essere considerato non idoneo dalla Commissione Competente dopo   aver sostenuto la visita medica e la prova di guida.
Se il candidato ritiene che l'accertamento della Commissione Competente a cui è stato sottoposto sia insufficiente può astenersi dal firmare il verbale di visita. 
Il ricorso va inviato entro 30 giorni dal diniego a mezzo raccomandata con ricevuta di ritorno, con allegato il documento di diniego debitamente compilato, presso l’ufficio competente presente in ogni Regione di competenza.
Il richiedente sarà poi contattato dall’ufficio stesso informandolo  della data e del luogo in cui dovrà recarsi per il nuovo accertamento.  Nel nostro caso, il candidato sarà inviato presso il simulatore di Milano
A questa nuova visita il disabile può farsi assistere da un medico legale di fiducia a proprie spese.

2 commenti:

  1. Grazie volontari: voi siete qualcosa di più, siete unici!. Grazie a questo vostro chiarimento ora i miei problemi per la patente si sono azzerati. Presto saro da voi per un aiutino, Grazie Laura

    RispondiElimina
  2. AVID Varese Onlus12 settembre 2012 12:34

    Laura per favore non esaltarci troppo, queste cose per noi non sono paragonate a grandi ricerhe oppure a grandi opere, per noi volontari è la nostra quotidianità, è la voglia di aggiornarci e divulgare. Ti aspetto

    RispondiElimina