venerdì 28 dicembre 2012

COME RICHIEDERE PROTESI E AUSILI


ALCUNI UTENTI AI NOSTRI  SPORTELLI VOLONTARI CI CHIEDONO: COME RICHIEDERE GLI AUSILI PER MEGLIO DEAMBULARE, PER LA CASA, O PER LA VITA DI RELAZIONE.

Prima di tutto va specificato chi ne ha diritto? Ne hanno diritto chi è titolare del certificato di invalidità civili con una percentuale pari o superiore ad un 1/3. Mentre per i minorenni fino al diciottesimo anno di età tale documento non è richiesto ma semplicemente un certificato medico che attesti il bisogno.
Per ottenere le protesi o gli ausili, occorre rivolgersi a un medico prescrittore (Fisiatra), appartenente ad una struttura sanitaria pubblica (ASL o Ospedale o Istituto convenzionato).
In base ai diversi casi o necessità della persona richiedente,  è necessario che si sottoponga  ad una visita specialistica o fisiatrica dove, questi medici possono valutare attentamente il reale bisogno della protesi o ausilio, valutando ad esempio, anche gli aspetti  ambientali per una carrozzina o di una comoda nell’appartamento in cui vive la persona interessata.
Per ottenere la richiesta di visita specialistica ai fini di una richiesta di protesi o ausili è necessaria la richiesta rilasciata dal medico di base.  Nel caso la persona richiedente fosse alettata oppure non in grado di deambulare, è possibile ottenere la visita a domicilio rivolgendosi al “Servizio di Assistenza Domiciliare” la cui sede si trova presso l'ASL presentando una richiesta del medico di base.
Se a seguito della visita fisiatrica la persona ha bisogno e quindi il diritto a ricevere la protesi o l’ausilio, il medico prescrittore compila il modulo “Erogazioni Forniture Protesiche”  prescrivendo il prodotto, tipo con il suo codice e gli eventuali accessori,  sottopone alla firma il richiedente per l’accettazione di alcuni impegni  e successivamente consegnandolo alla ASL di competenza la quale  oltre a convalidare la richiesta provvederà  a scegliere la ditta costruttrice e farlo consegnare a domicilio.
L’ultimo atto sarà quello del collaudo: riguarda l’accertamento da parte del medico prescrittore valutare se l’ausilio fornito è conforme alla prescrizione ed è valido e capace di portare un aiuto fisico alla persona richiedente.      Il richiedente lo potrà utilizzare anche se di proprietà dell'ASL fino a quando potrà portarle beneficio, diversamente se non servirà più lo dovrà riconsegnare alla ASL oppure sostituirlo in caso di usura o rottura.
Per saperne di più: www.associazione-avid.it  -  info@associazione-avid.it  <>  Info  340-3303528

2 commenti:

  1. Grazie ragazzi stavo proprio cementarmi su questo problema per mio padre. Grazie ancora per il consiglio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. AVID Varese Onlus31 dicembre 2012 07:22

      Grazie per il ragazzi, be.... siamo dei ragazzi maturi. Comunque questo è uno dei tanti problemi che risolviamo ogni giorno. Quando Le sorgono altri problemi non esiti a chiamarci. BUON ANNO

      Elimina